logo

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

Le Eli-Che

Servizio per studenti e studentesse disabili e fasce deboli

Servizio per studenti e studentesse con D.S.A.

Servizio per studenti e studentesse con B.E.S.


 Per educare un fanciullo serve un intero villaggio: "Momo non ho tempo!", la terza mostra del progetto che coinvolge una intera città


... quello che la piccola  Momo sapeva fare come nessun altro era: ascoltare. La  storia di Momo è la metafora della vita moderna, dove il tempo non è visto come valore per dedicarsi agli altri e a se  stessi, ma come bene da accumulare. La Mostra nasce dal lavoro, dall'entusiasmo, dall'impegno e dalla collaborazione di tutte le persone che aderiscono al progetto, una città intera! 
Ci siamo anche noi, insieme ai nostri studenti e studentesse disabili e non, per realizzare insieme un pezzetto di storia!

Eccoci... aspettando l'inaugurazione della mostra il 23 maggio al Palazzetto Eucherio Sanvitale, all'interno del Parco Ducale:

- lunedì 19 maggio alle ore 17.30 nell'Aula Magna dell'Università degli Studi di Parma ci sarà l'anteprima della Mostra "Momo, non ho tempo" con la presentazione del volume ispirato alla mostra. Ci saremo anche noi. Ti aspettiamo!

- sabato 24 maggio e giovedì 29 maggio dalle 16.00 alle 18.00 al Palazzetto Eucherio Sanvitale, "libri-amo-ci: io libro tu lettore", noi delle Eli-Che, in collaborazione con l'Associazione Vita Indipendente, organizziamo un tempo di ascolto/sentimento, perchè ogni persona ha una propria storia, ogni persona con disabilità ne ha una speciale. Vieni ad incontrare, ascoltare e a leggere una persona che fa di sè un libro per te.

- venerdì 30 maggio dalle 14.00 alle 17.00 al Palazzetto Eucherio Sanvitale vieni nel laboratorio "in-segni-amo i segni: LIS Lingua Italiana dei Segni"...perchè ogni persona ha una lingua, i sordi parlano con i segni...

Per qualunque informazione contattaci!

la stanza del tempo con Mastro Hora circondato da tanti orologi ...visitata da 6.500 persone con una marea di persone con disabilità... e con tanti studenti con disabilità abbiamo scritto il catalogo della mostra...



Torna su